L’asserzione come azione linguistica: aspetti sociali, epistemici e cognitivi

  • Labinaz, Paolo
Opera disponibile ad Accesso Aperto

Apri su OpenStarTS

Cartaceo disponibile
€ 12.00
Informazioni per l'acquisto

L’asserzione ha attratto da tempo l’attenzione dei filosofi analitici del linguaggio e degli studiosi di pragmatica del linguaggio come atto linguistico di grande importanza se non addirittura centrale. D’altra parte vi è ampio disaccordo sulle sue caratteristiche fondamentali. Questo libro presenta una teoria dell’asserzione che mira a rendere conto dei diversi aspetti caratteristici che le sono stati riconosciuti dalle più recenti teorie filosofiche e pragmatiche che la riguardano, cercando di superare alcune loro criticità. Sulla base di un quadro teorico che si fonda sulla teoria degli atti linguistici di John L. Austin, verrà sostenuto che l’asserzione può essere considerata alla stregua di un’azione linguistica, la cui funzione caratteristica, e forse la sua stessa ragione d’essere, è data dalla sua capacità di produrre e trasmettere conoscenze.

  • Anno: 2019
  • Pagine: 154
  • Lingua: it
  • ISBN (print): 978-88-5511-062-4
  • ISBN (online): 978-88-5511-063-1
  • Editore: EUT Edizioni Università di Trieste
Consulta il nostro catalogo
Practical Rationality in Political Contexts. Facing Diversity in Contemporary Multicultural Europe
L’asserzione come azione linguistica: aspetti sociali, epistemici e cognitivi
Di cos’è fatto un personaggio? Una prospettiva neo-aristotelica sugli oggetti fittizi
Agire bene. La normatività della natura umana nella Virtue ethics