Matronae in domo et re publica agentes. Spazi e occasioni dell’azione femminile nel mondo romano tra tarda repubblica e primo impero

  • A cura di Cenerini, Francesca; Rohr Vio, Francesca
Opera disponibile ad Accesso Aperto

Apri su OpenStarTS

Cartaceo disponibile
€ 25.00
Informazioni per l'acquisto

Secondo il mos maiorum, la virtù del pudor vincolava le donne nella dimensione privata. Norme e tradizione impedivano loro qualsiasi ruolo istituzionale, militare o civico. Eppure le condizioni precarie e molto particolari della Roma del II e I secolo a.C. sconvolsero temporaneamente i confini fisici e soprattutto ideologici della domus, consentendo alle donne di agere in re publica, un periodo temporaneo ma estremamente significativo per l’azioni femminile, quanto per la vita politica e pubblica dell’Urbe. In un tempo di violenti scontri intestini, gli uomini furono allontanati dai luoghi del potere in tale numero e con una sistematicità tale da far sì che le loro mogli, madri, figlie e sorelle si trovassero nella condizione di sovvertire l’ordine pubblico nel tentativo di sostituirli o supportarli. Spesso tali interferenze femminili con la vita pubblica terminarono con la delegittimazione, altre volte il vincolo della pietas giustificò l’operato delle donne, preservandone l’immagine. Questa raccolta di saggi ha il doppio scopo di definire un fenomeno molto complesso e contemporaneamente di esaminare la condizione femminile al tramonto di un’epoca di trasformazioni.

  • Anno: 2016
  • Pagine: XVII, 356; ill.
  • Lingua: it ,fr
  • ISBN (print): 978-88-8303-753-5
  • ISBN (online): 978-88-8303-754-2
  • Editore: EUT Edizioni Università di Trieste
Consulta il nostro catalogo
Roma e le priscae Latinae coloniae
Tra duces e milites. Forme di comunicazione politica al tramonto della Repubblica
HOC QVOQVE LABORIS PRAEMIVM. Scritti in onore di Gino Bandelli
VIRI MILITARES. Rappresentazione e propaganda tra Repubblica e Principato
Matronae in domo et re publica agentes. Spazi e occasioni dell’azione femminile nel mondo romano tra tarda repubblica e primo impero
Il sussurro di una brezza leggera. Ricordo di Filippo Càssola