Informazioni

  • 24 settembre 2022
  • 19:00
  • STAZIONE ROGERS | Riva Grumula 14 | Trieste
  • STAZIONE ROGERS | Riva Grumula 14 | Trieste

Condividi

Presentazione del volume "L'artista, il toro, il tiranno"

Sabato 24 settembre alle ore 19.00, si svolgerà la presentazione del libro in ricordo di Luciano Semerani, L'artista, il toro, il tiranno di Giovanni Fraziano

24 settembre 2022 STAZIONE ROGERS | Riva Grumula 14 | Trieste

978-88-5511-339-7_300.jpg

con Mauro Rossi, responsabile EUT Università di Trieste, Samuel Iuri, autore del layout grafico e Margherita De Michiel, femme de lettres

Trascorso un anno dalla scomparsa di Luciano Semerani, Stazione Rogers lo ricorda presentando il libro di Giovanni Fraziano "L’artista, il toro, il tiranno" che richiama i tratti di quella che Luciano stesso aveva definito “una grande avventura umana e intellettuale”.

Il riferimento è a "Phalaris", giornale di architettura, di cui Giovanni Fraziano è stato Caporedattore, realizzato a Venezia alla fondazione Angelo Masieri dal 1988 al 1992.           
La testata evocando, non senza ironia, quel Falaride tra storia e mitologia che arrostisce nemici e facitori nel ventre del toro animandolo con le loro urla… si propose allora di mettere in gioco l’opera, la critica e l’autore, andando dentro l’architettura “per starci, non fisicamente, ma con la testa, con l’occhio della mente, ma poi con l’occhio del cuore e con quello dei sensi,” volendo con questo ri-considerare la dimensione teorico-conoscitiva dell’architettura. Porre mente al mutare delle convenzioni, sottolineare, senza moralismi, un’etica del fare in cui la responsabilità dell’artista era anche e soprattutto responsabilità nei confronti dell’opera.

Il libro vede riaffiorare dai recessi della memoria momenti di particolare intensità. Insieme a questi, gli scritti realizzati per l’occasione da Luciano Semerani nel ruolo di direttore di "Phalaris".

Diciotto editoriali che oggi, nella loro perfetta “inattualità”, risultano misteriosi e ambivalenti, forse più che mai interrogativi. Rielaborati nell’installazione di Samuel Iuri, gli stessi faranno da cornice all’evento.